.
Annunci online

batlogreturns
BATlog:...Per arrivare all'alba non c'è altra via che la notte...

...La Notte Rivela L'Uomo....



...E Nei Tuoi Occhi Mi Perdo...



...Come In Un Cielo Estivo...




"Lasciami andare a vedere il sogno,
la velocità, il miracolo,
 non fermarmi con uno sguardo triste,
questa notte lasciami vivere laggiù sull'orlo del mondo,
solo questa notte, poi tornerò"




Noi siamo gemelli, Notte,
perchè tu riveli lo spazio e io rivelo la mia anima.

 


Sub tuum praesidium confugimus,
sancta Dei Genitrix.
Nostras deprecationes ne despicias
in necessitatibus,
sed a periculis cunctis
libera nos semper,
Virgo gloriosa et benedicta.




Farò della mia anima uno scrigno
per la tua anima,
del mio cuore una dimora
per la tua bellezza,
del mio petto un sepolcro
per le tue pene.
Ti amero’ come le praterie amano la primavera,
e vivro’ in te la vita di un fiore
sotto i raggi del sole.
Cantero’ il tuo nome come la valle
canta l'eco delle campane;
ascoltero’ il linguaggio della tua anima
come la spiaggia ascolta
la storia delle onde.
L'amore e’ un tesoro prezioso, e’ il dono che Dio fa
agli spiriti sensibili e grandi


(Kahlil Gibran)

 





Osservate con quanta previdenza la natura,
madre del genere umano,
ebbe cura di spargere ovunque un pizzico di follia.
Infuse nell'uomo più passione che ragione
perchè fosse tutto meno triste,
difficile, brutto, insipido, fastidioso.
Se i mortali si guardassero da qualsiasi rapporto con la saggezza,
la vecchiaia neppure ci sarebbe.
Se solo fossero più fatui, allegri e dissennati
godrebbero felici di un’eterna giovinezza.
La vita umana non è altro che un gioco della Follia.

Il cuore ha sempre ragione.

Erasmo da Rotterdam


C'è solo l'A.S. ROMA




L'Utente da Lei Chiamato è
al Momento Più Fuori di Testa Del Solito.
La Preghiamo di Riprovare Più Tardi....








L'Immensità

Io son sicura che
per ogni goccia
per ogni goccia che cadrà un nuovo fiore
nascerà
e su quel fiore una farfalla volerà.
Io son sicura che
in questa grande immensità
qualcuno pensa un poco a me
non mi scorderà.
Io lo so
tutta la vita sempre sola non sarò
un giorno troverò
un pò d'amore anche per me
per me che sono nullità
nell'immensità.
Io lo so
tutta la vita sempre sola non sarò
un giorno troverò
un pò d'amore anche per me
per me che sono nullità
nell'immensità
 



 "Poscia ch'io ebbi il mio dottore udito
nomar le donne antiche e ' cavalieri,
pietà mi giunse, e fui quasi smarrito.

  I' cominciai: «Poeta, volontieri
parlerei a quei due che 'nsieme vanno,
e paion sì al vento esser leggeri».

  Ed elli a me: «Vedrai quando saranno
più presso a noi; e tu allor li priega
per quello amor che i mena, ed ei verranno».

  Sì tosto come il vento a noi li piega,
mossi la voce: «O anime affannate,
venite a noi parlar, s'altri nol niega!».

  Quali colombe dal disio chiamate
con l'ali alzate e ferme al dolce nido
vegnon per l'aere dal voler portate;

  cotali uscir de la schiera ov'è Dido,
a noi venendo per l'aere maligno,
sì forte fu l'affettuoso grido.

  «O animal grazioso e benigno
che visitando vai per l'aere perso
noi che tignemmo il mondo di sanguigno,

  se fosse amico il re de l'universo,
noi pregheremmo lui de la tua pace,
poi c'hai pietà del nostro mal perverso.

  Di quel che udire e che parlar vi piace,
noi udiremo e parleremo a voi,
mentre che 'l vento, come fa, ci tace.

  Siede la terra dove nata fui
su la marina dove 'l Po discende
per aver pace co' seguaci sui.

  Amor, ch'al cor gentil ratto s'apprende
prese costui de la bella persona
che mi fu tolta; e 'l modo ancor m'offende.

  Amor, ch'a nullo amato amar perdona,
mi prese del costui piacer sì forte,
che, come vedi, ancor non m'abbandona.

  Amor condusse noi ad una morte:
Caina attende chi a vita ci spense».
Queste parole da lor ci fuor porte.

  Quand'io intesi quell'anime offense,
china' il viso e tanto il tenni basso,
fin che 'l poeta mi disse: «Che pense?».

  Quando rispuosi, cominciai: «Oh lasso,
quanti dolci pensier, quanto disio
menò costoro al doloroso passo!».

  Poi mi rivolsi a loro e parla' io,
e cominciai: «Francesca, i tuoi martìri
a lagrimar mi fanno tristo e pio.

  Ma dimmi: al tempo d'i dolci sospiri,
a che e come concedette Amore
che conosceste i dubbiosi disiri?».

  E quella a me: «Nessun maggior dolore
che ricordarsi del tempo felice
ne la miseria; e ciò sa 'l tuo dottore.

  Ma s'a conoscer la prima radice
del nostro amor tu hai cotanto affetto,
dirò come colui che piange e dice.

  Noi leggiavamo un giorno per diletto
di Lancialotto come amor lo strinse;
soli eravamo e sanza alcun sospetto.

  Per più fiate li occhi ci sospinse
quella lettura, e scolorocci il viso;
ma solo un punto fu quel che ci vinse.

  Quando leggemmo il disiato riso
esser basciato da cotanto amante,
questi, che mai da me non fia diviso,

  la bocca mi basciò tutto tremante.
Galeotto fu 'l libro e chi lo scrisse:
quel giorno più non vi leggemmo avante».

  Mentre che l'uno spirto questo disse,
l'altro piangea; sì che di pietade
io venni men così com'io morisse.

  E caddi come corpo morto cade."


Canto V




XVII sonetto

Non t'amo come se fossi rosa di sale, topazio
o freccia di garofani che propagano il fuoco:
t'amo come si amano certe cose oscure,
segretamente, tra l'ombra e l'anima.

T'amo come la pianta che non fiorisce e reca
dentro di sé, nascosta, la luce di quei fiori;
grazie al tuo amore vive oscuro nel mio corpo
il concentrato aroma che ascese dalla terra.


T'amo senza sapere come, né quando, né da dove,
t'amo direttamente senza problemi né orgoglio:
così ti amo perché non so amare altrimenti


che così, in questo modo in cui non sono e non sei,
così vicino che la tua mano sul mio petto è mia,
così vicino che si chiudono i tuoi occhi col mio sonno.




"Scusa se son venuto qui questa sera
da solo non riuscivo a dormire perchè
di notte ho ancora bisogno di te
fammi entrare per favore solo
credevo di volare e non volo
credevo che l'azzurro di due occhi per me
fosse sempre cielo, non è
fosse sempre cielo, non è
posso stringerti le mani
come sono fredde tu tremi
no, non sto sbagliando mi ami
dimmi che è vero
dimmi che è vero
dimmi che è vero
dimmi che è vero,
dimmi che è vero
dimmi che noi non siamo stati mai lontani"

"Sono le piccole cose che rendono felici.."




Gechi E Vampiri

Una vita normale
La mattina col sole
Non l'avevo fatta mai
Mi svegliavo la notte
Come Gechi e vampiri
Trasgressioni solo routine
Stavo sempre uno schifo
Con la gente sbagliata
In un mondo che nel mondo non c'è
E col tempo anche i sogni si fanno i bagagli
E un bel giorno non li cerchi più
Ma chi sei, ma chi sei
Specchio specchio delle mie brame
Cosa vuoi, cosa vuoi
Sono la strega di Biancaneve
Dimmi che, dimmi che
Non tornerò mai com'ero prima
Dimmelo perché
Perché voglio di nuovo trovare la strada
Che tu avevi scelto per me
Ci vorrebbe una storia
veramente importante
che cancella tutto quanto così
più cerchi qualcosa
e più non trovi niente
ma questo ormai da tempo si sa
ma un giorno qualunque
in un posto tremendo
vedo quello che mi piace e sei tu
quando credevo d'avere finito
i Gechi e vampiri non ci sono più
Ma chi sei, ma chi sei
Specchio specchio delle mie brame
Cosa vuoi, cosa vuoi
Sono la strega di Biancaneve
Dimmi che, dimmi che
Non tornerò mai com'ero prima
Dimmelo perché
Perché voglio di nuovo trovare la strada
Che tu avevi scelto per me
Ma chi sei, ma chi sei
Perché non resti anche la mattina
Te ne vai, te ne vai
Mi fai tornare dov'ero prima
Ma perché, ma perché
Invece di giocare
Ancora non diventi mio
Perché un cuore che parte
Può fare più luce del sole anche stando quaggiù
Ma perché, ma perché
Invece di giocare
Ancora non diventi mio
Perché un cuore che parte
Può fare più luce del sole anche stando quaggiù
Perché voglio di nuovo una vita
un po' meno sbagliata e la voglio con te
con te
























































Grazie Andrea per averci creduto







































































14 maggio 2008
A Te

Ci sono cose che tento di dirti da sempre.
Anche da prima che ti conoscessi.
Ma poi cado nel retorico, nell'ingenuo, quasi nel banale.
E allora ti dedico un altro video musicale, a dirti, cosa sei tu per me.
E quanto ti amo.
 

Senza dare importanza alle situazioni, alle persone, ai momenti che fanno male.

Ti amo. Indipendentemente da tutto quello che esiste. E persino da tutto quello che non esiste.







A te che sei l’unica al mondo 
L' unica
ragione per arrivare fino in fondo
Ad ogni mio respiro
Quando ti guardo
Dopo un giorno pieno di parole
Senza che tu mi dica niente
Tutto si fa chiaro
A te che mi hai trovato
All’ angolo coi pugni chiusi
Con le mie spalle contro il muro
Pronto a difendermi
Con gli occhi bassi
Stavo in fila
Con i disillusi
Tu mi hai raccolto come un gatto
E mi hai portato con te
A te io canto una canzone
Perché non ho altro
Niente di meglio da offrirti
Di tutto quello che ho
Prendi il mio tempo
E la magia
Che con un solo salto
Ci fa volare dentro all’aria
Come bollicine
A te che sei
Semplicemente sei
Sostanza dei giorni miei

Sostanza dei giorni miei
A te che sei il mio grande amore
Ed il mio amore grande
A te che hai preso la mia vita
E ne hai fatto molto di più
A te che hai dato senso al tempo
Senza misurarlo
A te che sei il mio amore grande
Ed il mio grande amore
A te che io
Ti ho visto piangere nella mia mano
Fragile che potevo ucciderti
Stringendoti un po’
E poi ti ho visto
Con la forza di un aeroplano
Prendere in mano la tua vita
E trascinarla in salvo

A te che mi hai insegnato i sogni
E l’arte dell’avventura
A te che credi nel coraggio
E anche nella paura
A te che sei la miglior cosa
Che mi sia successa
A te che cambi tutti i giorni
E resti sempre la stessa

A te che sei
Semplicemente sei
Sostanza dei giorni miei
Sostanza dei sogni miei
A te che sei
Essenzialmente sei
Sostanza dei sogni miei
Sostanza dei giorni miei
A te che non ti piaci mai
E sei una meraviglia
Le forze della natura si concentrano in te
Che sei una roccia sei una pianta sei un uragano
Sei l’orizzonte che mi accoglie quando mi allontano
A te che sei l’unica amica
Che io posso avere
L’unico amore che vorrei
Se io non ti avessi con me
a te che hai reso la mia vita bella da morire, che riesci a render la fatica un immenso piacere,
a te che sei il mio grande amore ed il mio amore grande,
a te che hai preso la mia vita e ne hai fatto molto di più,
a te che hai dato senso al tempo senza misurarlo,
a te che sei il mio amore grande ed il mio grande amore,
a te che sei, semplicemente sei, sostanza dei giorni miei, sostanza dei sogni miei...
e a te che sei, semplicemente sei, compagna dei giorni miei...sostanza dei sogni...






permalink | inviato da - Kia - il 14/5/2008 alle 13:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
4 aprile 2008
- 2
Ci sono alcuni momenti che la tua bellezza, mi colpisce in pieno viso come una folata di vento forte.
Anche a distanza di parecchi mesi dalla prima volta che ho incontrato i tuoi occhi.
Penso che domenica è vicina, e nonostante questo la voglia di strappare a morsi il tempo è ancora tanta.
Tanto quanto quella di stringerti tra le braccia.

Ti direi di parlarmi d'amore. Come solo tu sai fare. E penso che è quello che domenica farai.
In mezzo a Villa Borghese.
Posto da sogno degno del sogno che sei.

Sto contando le ore come fossero grani di un rosario.
Faccio scorrere i minuti tra le dita con l'impazienza di un gatto.

Che meraviglia che sei...

E ora, amore, parlami d'amore.





Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lovely parlami d'amore

permalink | inviato da - Kia - il 4/4/2008 alle 23:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
10 marzo 2008
Rabbia

C’è il cuore che batte veloce.

C’è il mio, impazzito come un cavallo spaventato.

Che senti il pulsare del sangue fin dentro le orecchie. E pensi “adesso muoio” o ancora peggio “adesso se ne va”.Ma contemporaneamente pensi: “se sopravvivo…è fatta.”


E il suo. Di cui sento i battiti. Forti. Veloci e pieni di dolore e paura. Di un dolore che di umano ha ben poco. Proprio come la sua natura. Che, di divino, ha quasi tutto.

Di un dolore così forte che il perché c’è, non ha più importanza.

Conta solo il farlo passare.

Poi ci sono i suoi occhi scuri. Che sono come quelli di un cerbiatto, di un Bambi dolce e cucciolo.

Ci sono i miei. Sempre nei suoi.

C’è una pelle, la sua, che ha un profumo intenso. Che ha il profumo di un passato rubato appena lo assapori.

Il profumo del mio passato rubato, mi dico. Il profumo di un’infanzia che non è andata come doveva, come volevo, il profumo di un’adolescenza, che se c’era, non me ne sono accorta.

Poi, però, a sentirlo bene, assume un altro sapore.

Il profumo di un futuro luminoso, di un futuro che sa di quella pelle.

E allora il passato è lontano, il presente è molto meno difficile e il futuro è molto più atteso.

E vicino.

Tanto vicino che la sua distanza da me ha la stessa durata di 2 ore e 17 minuti di treno.

Né un minuto di più né uno di meno.

 

Provo rabbia. Sì.

Rabbia per chi crede di potere tutto senza portare rispetto.

Per chi crede di potere tutto su di te.

Per chi crede di avere il diritto di artigliare ancora, nuovamente, con rinnovate ferocia quella pelle, la tua pelle, a suo piacimento senza ritegno, senza amore, senza rispetto. Lasciando la presa solo con la nascita dei primi rivoli di sangue che sgorgano dalle curve del tue corpo che andrebbero solamente venerate.

Quelle curve che sono tue. Belle come le curve di un miracolo.

Solo per dimostrare un potere di cui si sente forte e che, vaffanculo, rende solo tutto il contrario di ciò che era sua mira essere.

 

Non ho diritto di parola in questo, lo so da me.

Sappi solo che la vita che si agita dentro di me, nata dal sogno che hai creato e in cui mi fai viaggiare da quando ci sei, ha deciso che affronterà qualsiasi guerra, qualsiasi terremoto pur di

averti con lei.

 

E io.

Io sono qui.

E ti passo le dita tremanti tra le piume delle tue grandi ali bianche.

Te le liscio con perizia, cura, minuziosità figlie di un amore la cui grandezza non si riesce a raccontare.

Tieni la testa tra le braccia in un momento come di raccoglimento e di abbandono nel ricordo di un inseguimento che ha l’aura di un qualcosa che nella vita non accade mai.

E che invece è successo.

 

E ora, mio dolcissimo amore, respira.

C’è una nuova aria intorno a te.






Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lovely tiamo

permalink | inviato da - Kia - il 10/3/2008 alle 23:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (55) | Versione per la stampa
3 marzo 2008
Parole Calde



Per te.
Che sei il mio paradiso perduto.

E dopo un pò che sono lontana, inizio a stare male.
Di un mal d'Africa che non lascia scampo.

Ma i giorni corrono. E tra poco sarò di nuovo li.
E so che le tue sponde calde mi stanno aspettando.

Sto per tornare.
Attendimi.
22 febbraio 2008
Ecco.
Ecco.

Ci sono giornate che ti danno sensazioni diverse da quelle che ti danno le giornate di routine usurante e a volte un po’ kitsch.

Ci sono giornate che possiedono un cielo così terso che non sembra reale.
Quelle giornate che preannunciano la primavera, che ti fanno capire che il mondo gira.
Che gliene frega un bel niente se tu non te ne accorgi. Lui gira. E forse, sotto sotto, si fa pure quattro risate.

Ci sono giornate che senti l’aria che diventa calda. Che prende i raggi del sole, li divide in singoli granelli e li distribuisce tra le varie correnti, con la raccomandazione di toccare più pelle che si può.

Giornate che sono belle, ma che lo sarebbero ancora di più se uscendo da casa ti trovassi Piazza del Popolo davanti.

Giornate che sanno di rhum, di quello invecchiato di 8 o 12 anni, bevuto in bicchieri di cioccolato a Trastevere in compagnia, di chi ti ama da un lato e di chi ha avuto le palle di reggere una confessione pesante e di abbracciarti fraterno dall’altro.

“Ancora poco, resisti. Ancora poco”, mi dico.

Giornate in cui ci sente come gatti che si stirano, assonnati e sonnacchiosi, leccandosi il pelo con aria annoiata e oziosa. Sì mi sento così.
Un gatto. Impaziente.
Che mentre si stiracchia chiude gli occhi e pensa.

Pensa ad una notte.
La prima da adulta verrebbe da chiamarla.
La prima in città “straniera”, la prima in letto “straniero”, la prima in una casa “straniera”.

Casa di ragazze mai viste prima ma che sono in grado di trattarti come una sorella anche se il repertorio di parole scambiate comprende dalle 2 alle 100 parole. Da emozionata, sono silenziosa.
Che ti trattano come una sorella perché sei legata ad una persona speciale che anche loro amano.
E questo a loro basta. Il loro cuore è grande. Tanto. E coraggioso.
E le parole non servono più.
Basta un abbraccio.
Di quelli che non ti scrolli più, per il resto della tua vita.

Notte insonne.
Perché rimani a guardare il viso, bellissimo, di chi ti dorme accanto tra le braccia. Che nemmeno immagina che effetto meraviglioso fa la luce della luna sulla sua pelle bianca come il latte.
Tra luci e ombre.
Tra rombi di motore che passano e il ricordo di poesie lette poche ore prime come solo quella voce sa fare.
Che poche ore prima faceva le prove per un reading. E guardandomi con aria emozionata sussurrava un “che te ne pare?”.
Che me ne pare? Te lo dirò quando avrò nuovamente preso possesso di me. Ora sono in viaggio. Aspettami.
Una notte che scorre veloce, tra baci segreti a fior di labbra e la ricerca incessante e delicata di un odore particolare trovato nell’incavo del suo collo.
Dolce. Di estate, dico sempre.

Giornate che ti fanno pensare a questo ma cancellano il momento dell’addio. O perlomeno ti trasformano l’addio in un semplice androne per un nuovo paradiso. Di quelli formati dai palazzi romani di quando ero bimba, che formavano un semicerchio e in mezzo c’era un cortile.
Giornate in cui senti l’odore di libertà.

Che ancora non c’è. Ma sai che si avvicina.
Giornate in cui capisci benissimo che odore e che colore ha l’Amore.

Ha il colore dell’ametista e la sera il colore dei suoi occhi.

E ha il suo odore, mi dico. Odore di estate.






Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lovely respira bologna-roma

permalink | inviato da - Kia - il 22/2/2008 alle 15:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
6 febbraio 2008
...Parole Come Pioggia...

A

more * Passione * Dolcezza * Tenerezza * Voglia * Voglia * Tumulto * Gioia * Baci * Sogno * Smottamento * Forza * Calore * Felicità * Cuore * Mente * Anima * Corpo * Bellezza * Sensibilità * Certezza * Sorriso * Orgoglio * Meraviglia * Serenità * Tenerezza * Coccole * Comprensione * Dignità * Divertimento * Insegnamento * Carezze * Odori * Sapori * Sensazioni * Meraviglia(Ancora) * Creatura * Cavaliere * Fuoco * Terra * Acqua * Salto * Profumo * Aria * Mani * Dita * Soffice * Profilo * Curve * Abbandono * Lettere * Foto * Immagini * Sogno(Ancora) * Seta * Rosso * Realtà * Illusione * Devozione * Sguardi * Parole * Poesia * Libri * Voce * Avvolgimento * Coinvolgimento * Condivisione * Cielo Terso * Pioggia Estiva * Mare * Montagna * Puro * Desiderio * Favola

"La Passione Tinge Dei Propri Colori Tutto Ciò Che Tocca"

 

 

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Lovely Parole A Cascata

permalink | inviato da - Kia - il 6/2/2008 alle 21:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
30 gennaio 2008
Byron
"Non c'è istinto pari a quello del cuore"


G. Byron



permalink | inviato da - Kia - il 30/1/2008 alle 14:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
26 gennaio 2008
*








Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pleiadi

permalink | inviato da - Kia - il 26/1/2008 alle 23:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
23 gennaio 2008
Pensiero del Giorno


Uno dei pensieri fissi di una giornata difficile....


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Per Te Bambi

permalink | inviato da - Kia - il 23/1/2008 alle 21:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
19 gennaio 2008
Disposta...
"...pure a fare una gara nazionale di lancio di tappi di bottiglia......"


Vero? :)





(....scratch scratch.......)

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lovely scratchscratch frasidaricordare

permalink | inviato da - Kia - il 19/1/2008 alle 14:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
13 gennaio 2008
"Epoca Passata"




permalink | inviato da - Kia - il 13/1/2008 alle 20:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
9 gennaio 2008
Electrical storm
The sea it swells like a sore head
And the night, it is aching
Two lovers lie with no sheets on their bed
And the day it is breaking

On rainy days we'd go swimming out
On rainy days, swimming in the sound
On rainy days we'd go swimming out

You're in my mind
All of the time
I know that's not enough
If the sky can crack
There must be some way back
For love and only love

Car alarm
Won't let you back to sleep
You're kept awake
Dreaming someone else's dream
Coffee is cold
But it'll get you through
Compromise
That's nothing new to you

Let's see colors that have never been seen
Let's go to places no one else has been

In my mind
All of the time
I know that's not enough
If the sky can crack
There must be some way back
To love and only love

Electrical storm
Electrical storm
Electrical storm
Baby don't cry

It's hot as hell
Honey, in this room
Sure hope the weather will break soon
The air is heavy, heavy as a truck
Hope the rain will wash away our bad luck

The sky can crack
There must be some way back
For love and only love

Electrical storm
Electrical storm
Electrical storm

Baby don't cry
Baby don't cry
Oh baby don't cry
Oh baby don't cry


Per te.Per il tuo sorriso.



permalink | inviato da - Kia - il 9/1/2008 alle 16:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
18 dicembre 2007
Seta

Ho scoperto il bello della seta.
E ora credo di non poter più vivere senza.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Stoffe; Seta

permalink | inviato da - Kia - il 18/12/2007 alle 21:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
15 dicembre 2007
*



permalink | inviato da - Kia - il 15/12/2007 alle 17:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
12 dicembre 2007
Pensiero del Giorno


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Geisha

permalink | inviato da - Kia - il 12/12/2007 alle 20:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
2 dicembre 2007
Elogio Alla Follia

 Osservate con quanta previdenza la natura,
madre del genere umano,
ebbe cura di spargere ovunque un pizzico di follia.
Infuse nell'uomo più passione che ragione
perchè fosse tutto meno triste,
difficile, brutto, insipido, fastidioso.
Se i mortali si guardassero da qualsiasi rapporto con la saggezza,
la vecchiaia neppure ci sarebbe.
Se solo fossero più fatui, allegri e dissennati
godrebbero felici di un’eterna giovinezza.
La vita umana non è altro che un gioco della Follia.

Il cuore ha sempre ragione.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Erasmo da Rotterdam

permalink | inviato da - Kia - il 2/12/2007 alle 14:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
28 novembre 2007
*
E ti accorgi che sarai in grado di sopportare milioni di tempeste, solo per vedere quel raggio di sole.



permalink | inviato da - Kia - il 28/11/2007 alle 16:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
7 novembre 2007
E poi..
E poi ti chiedi il perchè.
Ti chiedi il perchè e non comprendi.
Non capisci come hai potuto fargli del male.
Come sia possibile.Ti eri giurata di non fargliene mai e scopri che non è così.
E non capisci.Non si comprende.
Tu non lo capisci.
Tu non lo comprendi.

E hai solo la voglia di sbattere la testa vuota che ti ritrovi contro il muro.

 



permalink | inviato da - Kia - il 7/11/2007 alle 20:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
29 ottobre 2007
Seta

"La notte prima di partire, accadde a Hervé Joncour di svegliarsi, quando ancora era buio, e di alzarsi, e di avvicinarsi al letto di Hélène.
Quando lei aprì gli occhi lui sentì la propria voce dire piano:
- Io ti amerò per sempre."


E, con cura, fermò il Tempo, per tutto il tempo che desiderò.



"Seta" - Baricco




permalink | inviato da - Kia - il 29/10/2007 alle 21:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
14 settembre 2007
Vedrai...
...tutto passa.
Vedrai.



permalink | inviato da batlogreturns il 14/9/2007 alle 15:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte